HAND LUGGAGE

Secondo premio YICCA PRIZE 2020

Foto: Niccolò Vonci 2020 - www.niccolovonci.com

HAND LUGGAGE

Limitare la libertà di movimento degli esseri umani è una delle più grandi disuguaglianze contemporanee.

Nel mondo ogni due secondi una persona è costretta ad abbandonare la propria casa a causa di conflitti o persecuzioni.

Dopo il naufragio di Lampedusa del 3 ottobre 2013, in cui morirono 368 migranti, nel Mediterraneo si sono intensificate le operazioni per identificare i corpi di chi ha perso la vita mentre tentava di raggiungere l’Europa.

Medici legali, antropologi e polizia scientifica hanno iniziato a classificare oggetti, effetti personali, documenti rinvenuti tra i cadaveri dei migranti.

Oggi questi oggetti raccontano storie che i loro possessori non possono più raccontare.

Il lungo e difficile processo di riconoscimento di un corpo è fondamentale per l'elaborazione del lutto da parte delle famiglie, per dare dignità a quegli esseri umani che altrimenti rischiano di essere soltanto numeri nelle statistiche del nostro dibattito pubblico.

Tra gli oggetti ricorrenti che vengono rinvenuti sui cadaveri – magari in una tasca, in uno zaino o addirittura cuciti sugli abiti – ci sono dei piccoli sacchetti di plastica che contengono terra o sabbia dei paesi di provenienza.

Perché nel momento in cui si abbandona il proprio paese, la propria casa, i propri affetti nella speranza di avere un futuro migliore, senza sapere se mai si potrà tornare indietro, quello di portare con sé qualche grammo di terra è un gesto estremamente potente di attaccamento e di memoria alle proprie radici.

Negli ultimi cinque anni, sulla sola rotta che dal Nord Africa porta in Italia, si stima siano morte almeno 15.000 persone.


L’OPERA

Ogni sacchetto è accompagnato dalle coordinate geografiche della terra contenuta al suo interno. Tutti i sacchetti sono uguali, le coordinate sono solo lettere e numeri.

Questa estrema uniformità intende sottolineare come non esista alcuna differenza tra un luogo e un altro, tra un essere umano e un altro nel momento in cui si compie una migrazione e si abbandona la propria terra. Senza sapere se e quando si potrà fare ritorno.


LE COORDINATE

1. 21°27'04.9''N 22°38'03.6''E - Deserto del sud della Libia

2. 18°22'24.1"N 68°50'34.6"W – Baia Hibe, Repubblica Dominicana

3. 35°33'10.0''N 1°11'47.6''W – Plage de Sbeaat, Algeria

4. 40°53'11.2''S 173°02'49.5''E – Tonga Bay Beach, Nuova zelanda

5. 39°49'56.0''N 9°40'53.2''E – Spiaggia di Barì, Bari Sardo, Sardegna, Italia

6. 36°13'43.7''N 29°26'57.0''E – Kaputas Pamphilia, Turchia

7. 33°26'13.9''N 8°54'48.9''E – Sabbia del Sahara, Zaafrene, Tunisia

8. 53°26'23.0''N 10°04'17.2''W – Mannin Bay, Connemara, Irlanda

9. 35°13'55.0''N 23°40'42.5''E – Pahia Ammos, Paleohora, Creta, Grecia

10. 44°17'40.3''N 9°22'12.6''E – Spiaggia di Cavi, Cavi di Lavagna, Liguria, Italia

11. 43°46'37.8"N 11°13'41.1"E – Riva dell’Arno, Firenze, Italia

12. 14°02'17.0''N 16°43'32.6''W – Mboss, Senegal

13. 16°02'33.4''N 108°15'07.5''E – Spiaggia di Danang, Vietnam del Nord

14. 42°57'40.5''N 9°27'06.8''E – Spiaggia di Macinaggio, Corsica

15. 20°05'01.7"N 57°49'31.4"E - Governatorato di al-Wusta, Oman

16. 20°54'51.2''N 27°37'28.6''E – Deserto Nubiano, Wadi Halfa, Sudan

17. 52°35'54.1''N 13°13'27.9''E – Baumberge, Heiligensee,Berlino, Germania

18. 26°33'28.4''N 70°44'00.3''E – Deserto del Thar, Janra, Rajasthan, India

19. 51°16'34.2''N 3°01'28.9''E – De Haan, Belgio

20. 31° 04'39.5''N 3°59'12.4''W – Dune di Merzouga, Erfud, Marocco

21. 35°30'47.2"N 12°33'27.1"E – Spiaggia dei Conigli, Lampedusa, Italia

HAND LUGGAGE

To limit the freedom of movement of human beings is one of the greatest current social injustices.

In the world, every two seconds a person is forced to leave her or his own house due to conflict or persecution.

After the shipwreck of Lampedusa on October 3rd, 2013, in which 368 migrants died, there have been increased efforts to identify the bodies of people who lost their lives while crossing the Mediterranean.

Coroners, anthropologists and CSI-units have started classifying objects, personal belongings, documents found among the corpses of the migrants.

Today these objects tell stories that their owners cannot tell anymore.

The long and difficult process that leads to the identification of a body is crucial to allow families to cope with their loss, in order to give back dignity to those human beings who are at risk of becoming figures in the statistics of our public debates.

Among the objects that are often found on the corpses – usually in a pocket, in a backpack or even sown into their clothes – there are small plastic bags containing sand or soil from their home-country.

Because in the very moment when you leave your country, your home, your beloved ones, hoping for a better future, without knowing if and when you'll be back, the act of carrying with you a few grams of soil is a powerful gesture that connects you with your memories and your roots.

Over the past five years it is estimated that at least 15.000 people have died on the route that leads from North Africa to Italy.


THE ARTWORK

Every plastic-bag is accompanied by the gelocation-coordinates of the area where the soil was retrieved. All plastic bags look the same, the coordinates are numbers and letters.

This extreme uniformity aims at stressing that there is no difference between one place and the other, between one human being and another in the very moment in which people migrate and leave their place of origin. Without knowing whether they'll ever come back.


THE COORDINATES

1. 21 ° 27'04.9''N 22 ° 38'03.6''E - Desert of southern Libya

2. 18 ° 22'24.1 "N 68 ° 50'34.6" W - Baia Hibe, Dominican Republic

3. 35 ° 33'10.0''N 1 ° 11'47.6''W - Plage de Sbeaat, Algeria

4. 40 ° 53'11.2''S 173 ° 02'49.5''E - Tonga Bay Beach, New Zealand

5. 39 ° 49'56.0''N 9 ° 40'53.2''E - Barì Beach, Bari Sardo, Sardinia, Italy

6. 36 ° 13'43.7''N N ° 26'57.0''E - Kaputas Pamphilia, Turkey

7. 33 ° 26'13.9''N 8 ° 54'48.9''E - Sahara sand, Zaafrene, Tunisia

8. 53 ° 26'23.0''N 10 ° 04'17.2''W - Mannin Bay, Connemara, Ireland

9. 35 ° 13'55.0''N 23 ° 40'42.5''E - Pahia Ammos, Paleohora, Crete, Greece

10. 44 ° 17'40.3''N 9 ° 22'12.6''E - Cavi Beach, Cavi di Lavagna, Liguria, Italy

11. 43 ° 46'37.8 "N 11 ° 13'41.1" E - Riva dell'Arno, Florence, Italy

12. 14 ° 02'17.0''N 16 ° 43'32.6''W - Mboss, Senegal

13. 16 ° 02'33.4''N 108 ° 15'07.5''E - Danang Beach, Northern Vietnam

14. 42 ° 57'40.5''N 9 ° 27'06.8''E - Macinaggio beach, Corsica

15. 20 ° 05'01.7 "N 57 ° 49'31.4" E - Governorate of al-Wusta, Oman

16. 20 ° 54'51.2''N 27 ° 37'28.6''E - Nubian Desert, Wadi Halfa, Sudan

17. 52 ° 35'54.1''N 13 ° 13'27.9''E - Baumberge, Heiligensee, Berlin, Germany

18. 26 ° 33'28.4''N 70 ° 44'00.3''E - Thar Desert, Janra, Rajasthan, India

19. 51 ° 16'34.2''N 3 ° 01'28.9''E - De Haan, Belgium

20. 31 ° 04'39.5''N 3 ° 59'12.4''W - Dunes of Merzouga, Erfud, Morocco

21. 35 ° 30'47.2 "N 12 ° 33'27.1" E - Spiaggia dei Conigli, Lampedusa, Italy


Foto: Niccolò Vonci 2020 - www.niccolovonci.com

Hbiba Ciao (*)

«Domani, quando ti sveglierai, non mi troverai
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,
metti Rai Uno, forse mi vedrai saltellare in terra italiana».

[...]

«Sia che vediamo quel paradiso coi nostri occhi
oh bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,
sia che affoghiamo e moriamo senza sepoltura,
la mia anima tornerà da te a nuoto».


(*)
“Hbiba Ciao” è stata scritta nel 2011 dall'artista tunisinio Bendir Man sull'arrangiamento di “Bella Ciao”.

Hbiba Ciao (*)

«Tomorrow when you'll wake up you won't find me
oh darling goodbye, bye bye bye

Turn on the TV, maybe you'll see me
hopping on Italian ground».

[…]

«Be it that we see that paradise with our eyes
oh darling goodbye, bye bye bye
be it that we drown and die without a grave
my soul will come back to you swimming».

(*) “Hbiba Ciao” was written in 2011 by the Tunisian artist Bendir Man on the melody of “Bella Ciao”